Scatolificio Udinese s.r.l.
Scatolificio Udinese > Lo Scatolino > Lo Scatolino nr.29
< Indietro
Autunno 2020

Lo Scatolino nr.29

Quel disumano isolamento  a cui ci ha costretti il Covid 19 forse rimarrà tra i ricordi, ma lui no, è ancora fra noi e chissà per quanto tempo ancora. Ci eravamo convinti – ma è un ‘ci’ che numericamente purtroppo rappresenta una sparuta minoranza – di essere allo spartiacque: un prima e un dopo. Il virus esteticamente bello ci costringe, così pensavamo, a misurarci con la barbarie che ormai imperversa. Un ingenuo convincimento che purtroppo era dimentico di chi è l’uomo. Forse anche lui, il C19, è credulone e pensa che perseverando alla fine l’animale che cammina ritto su due gambe si ricrederà e si convincerà a vivere come tutti gli altri esseri viventi. Sig. Virus, mi creda, i suoi sforzi sono vani. L’essere umano ormai si è sostituito al Creatore. Abbiamo perso il senso del limite sia individuale che collettivo. Corsi e ricorsi, la storia si ripete. «Quelli prima di me non hanno capito come si fa, io sì che so. Io faccio quello che voglio». Mi dispiace per lei sig. C19, ma i suoi sforzi hanno prodotto risultati molto scarsi, direi esigui. Chi era orientato a una vita civile continua a esserlo e viceversa chi era per l’inciviltà permane nel suo convincimento. Questo vale dai più alti gradi della società giù giù fino a noi. Si arrenda, quindi, e smetta di sentirsi spartiacque. Noi de Lo Scatolino come ben sa abbiamo perseverato. Gli autori hanno recuperato l’ispirazione pur con maggior sforzo e impegno, e non solo ci sono riusciti, ma hanno superato ancora una volta il livello culturale che li contraddistingue. Siamo coscienti, noi e loro, di essere apprezzati da qualche amico o familiare, ma tanto ci basta, anzi ci da l’entusiasmo per continuare. Se verremo a conoscenza di aver offerto un servizio utile, sarà motivo per sentirci soddisfatti e felici in tutt'uno con i nostri scrittori.  

 

Sfoglia Lo Scatolino cliccando su questo link