Idee per Packaging
News » Notizie dal Friuli » "Scaglie di ghiaccio", poesia di Paolo Biazzi

"Scaglie di ghiaccio", poesia di Paolo Biazzi

Abbiamo ricevuto dal prof. Paolo Biazzi, che attualmente insegna all'Humaniter di Milano, la poesia "I freguj del giàzz" che è stata premiata in più concorsi.

Il professore, dopo la maturità classica, ha conseguito la Laurea in Lettere presso l'Università Cattolica di Milano con una linteressante tesi su Pratolini, poi ha insegnato presso Istituti Superiori.

Ha scritto vari libri. Ha approfondito temi di notevole interesse culturale e tutt'ora è instancabile ed entusiasta studioso.

Ringraziamo il professore per aver accettato di rendere in lingua italiana la succitata poesia e, senza alcuna pretesa di ergerci a critici o giurati, diciamo che è riuscito a proporre un'altra opera poetica di valore.

Siamo lieti e orgogliosi di pubblicare quest'opera del prof. Paolo Biazzi e vorremmo rappresentasse il primo passo per "l'internazionalizzazione" del nostro sito.

I freguj del giàzz                                             

 

La caròssa la scarlìga sui binàri

del passant ferroviàri…

quánti cà g’hann fà sù

quánti straa, quánti màcchin

quánta gént tùtta ciappàda,

che gránd de fà!

La s’è slargàda la città

gh’è pü de praa,

eppúr me ricordi

che in sti praa, n’dóe adèss gh’è i cà,

mì giugàvi a repícch cónt i bìli de la gazósa,

con la lìppa, cónt i agrètt dèla limonàda… 

 

In la stagión colda

a la mattìna de bonóra

rivàva on cavallánt cónt el so cavàll

(on cavàll del Ghinella):

l’éra el càrr del giàzz.

El carrettèe el vosàva “giazzee! giazzee!”

e i dònn crumpàven per pòcch danee

on tòcc de giàzz.

El carrettèe el desquattàva

on lastron de giàzz e le s’ceppàva

a tòcc a tòcc cónt el pìcc, on martèll e on ciodon

e quand el gh’avéva vendu tusscòss

e i dònn ‘ndaven a cà cónt el giàzz in la cavágna

lü l’andava al bettolin…

In quèla, ona cattabréga de bagàj

(e ghe séri ánca mì, pòver baciòcch)

la se dava de bùtt!

Sti fioeù se desgagiaven a cattà su

i freguj e i schej de giàzz,

per rinfrescà el canaruzz

e l’éra fèsta! 

 

Sónt nassuu a città stùdi

sónt cressuu in fónd al Mac Mahün,

circumcìrca a Villapizzün:

me se slàrga el coeúr

perchè hoo vìst di ròbb che adèss gh’hinn pù,

ánca se de ànn ghe n’hoo domà sessantún

ma, perché tutti i dì ne passa vún,

cónt i ciár de lùna che gh’è in gír,

prìma de tirà el rèff

hoo vorsuu cuntà sù sta stòria

che gh’hoo in la memòria...

Per mì, sta cicciaràda, l’è mínga óna cialàda

l’è on tòcc de vìta che torna pù.

Scaglie di ghiaccio

 

Scivola la carrozza del treno sui binari

del passante ferroviario…

quante case hanno costruito

quante nuove strade, quante automobili

quanta gente indaffarata

che fervore!

S’è allargata la città

non più prati.

Eppure ricordo

che su questi prati, ora spariti per far posto alle case

io giocavo con le biglie contenute nelle bottiglie di gazzosa,

con la lippa, coi tappi a corona della limonata…

 

Durante l’estate

al mattino presto

giungeva un carro tirato dal cavallo

(un ronzinante, più asino che cavallo):

era il carretto del ghiaccio.

Il carrettiere gridava: “Ghiaccio, ghiaccio!”

e le donne compravano per pochi spiccioli

un pezzo di ghiaccio.

 Il carrettiere scopriva

un lastrone di ghiaccio e lo faceva a pezzi

con un piccone, un martello e uno scalpello

quando aveva venduto tutto il ghiaccio,

e le donne se ne andavano con il ghiaccio nella sporta,

lui entrava nell’osteria…

In quel momento una banda di ragazzi

(c’ero anch’io, povero bamboccione)

si dava da fare!

I ragazzi s’affrettavano a raccogliere

le scaglie e le briciole di ghiaccio

per rinfrescarsi (gratis) la gola

ed era una festa! 

 

Sono nato a Città studi

sono cresciuto alla fine di via Mac Mahon,

verso Villapizzone:

mi si allarga il cuore

perché ho visto cose che ora non esistono più,

anche se ho “solo” 61 anni.

Ma, poichè il tempo scorre,

e le condizioni del nostro tempo sono incerte,

ho voluto raccontare questa piccola storia

che conservo nella memoria… 

Per me, questa piccola favola non è una sciocchezza:

è un lacerto di vita che non torna più. 

 

YouTube

Links utili

Downloads

LO_SCATOLINO_n_20 (1,62 MB)
LO_SCATOLINO_N_19 (2,87 MB)
Lo scatolino 18 (0,97 MB)
lo_scatolino_17 (1,22 MB)
Lo Scatolino n. 16 (1,48 MB)
Realizziamo le tue idee
Telefono
Richiedi un preventivo