Idee per Packaging
News » Articoli dello Scatolino » Lo Zio Zuccone. Una fiaba popolare.

Lo Zio Zuccone. Una fiaba popolare.

LO_SCATOLINO_marzo_2338

TRA I SENTIERI DELLE FIABE a cura di Angelica Pellarini, testo e illustrazioni di Roberta Garlatti

Tanto tempo fa, a San Vito al Tagliamento, in una piccola casetta vivevano tutte sole una bambina di nome Maria e la sua mamma. In paese abitava anche un loro zio, un omone grande e grosso, burbero e scontroso che non amava molto i bambini e, siccome era anche un po’ tonto, tutti lo chiamavano Zio Zuccone.
Era arrivato Carnevale e tutti i bambini erano felici perché le loro mamme preparavano le frittelle; anche Maria avrebbe voluto tanto mangiarle, ma lei e la sua mamma erano povere, così povere da non possedere nemmeno la padella per friggerle.
La mamma la consolò: “Avrai anche tu le frittelle, vai da Zio Zuccone e chiedi se ci presta la padella, con garbo però!”.
Maria avrebbe preferito non andare dallo zio, ma la voglia di frittelle era così tanta che si fece coraggio.
“Guarda di restituirmela piena di frittelle!” bofonchiò Zio Zuccone appena le ebbe consegnato la padella. Il giorno dopo Maria mangiò così tante frittelle che la pancia quasi le scoppiava.
“Vedi di lasciarne un po’ per Zio Zuccone! – le disse la mamma – Anzi, vai subito a restituire la padella con le frittelle rimaste!”.
Maria si mise in cammino, ma il profumino delle frittelle era così invitante che ben presto le venne voglia di assaggiarne una, poi un’altra e un’altra ancora, finché le finì tutte.
“E adesso cosa porto a Zio Zuccone? Povera me!” pensò disperata.
Perché Zio Zuccone non se ne accorgesse, riempì la padella con delle cacche di un somaro che trovò lungo la strada, consegnò la padella e corse a casa veloce come il lampo.
“Puah! Che schifo! – disse Zio Zuccone quando assaggiò la prima frittella – Questa è cacca di somaro! Mi hai imbrogliato, bambina, e io stanotte ti vengo a mangiare!”.
Maria, preoccupata per quello che aveva fatto, raccontò tutto alla mamma che prima si disperò, poi la sgridò e infine trovò la soluzione. Con pezze di stoffa che aveva in casa cucì una bambola che sembrava proprio Maria e la imbottì di spilli. Alla sera mise la bambola nel letto della bambina e portò Maria a dormire nel suo lettone.
La mamma sprangò porte e finestre, ma a mezzanotte si sentì un gran sbattere e gridare: ero lo Zio Zuccone che voleva vendicarsi e mangiarsi la bambina. Sbatti e sbatti, non potendo entrare, salì sul tetto e scese in cucina attraverso la cappa del camino. Inferocito si avviò verso la camera di Maria e con voce terribile iniziò a gridare: “Sono sul primo scalino!”.
“Mettiti sotto, mettiti sotto” sussurrava la mamma a Maria.
“Sono sul secondo scalino!” gridava lo Zio Zuccone.
“Mettiti sotto, mettiti sotto” ripeteva la mamma.
“Sono sul terzo scalino!” urlava lo Zio.
“Mettiti sotto, mettiti sotto” ripeteva la mamma.
“Sono sull’ultimo scalino!” continuava lo Zio Zuccone.
“Mettiti sotto, mettiti sotto” ripeteva la mamma.
“Sono sulla porta!” e lo Zio si gettò sul letto della bambina per mangiarla.
Zio Zuccone era così infuriato che non si accorse che nel letto c’era la bambola e la divorò in un sol boccone con tutti gli spilli. Urlando di dolore, scomparve nella notte e di lui non si seppe più nulla. E Maria? Non ci crederete, ma da quel giorno non fu mai più così golosa.

Il Barbe çucon.
Une flabe popolâr
Traduzione in friulano di Pier Carlo Begotti

Tant timp indaûr, a San Vit al Tiliment, intune piçule cjasute a jerin a stâ di bessolis une frute di non Marie e sô mari. Tal paîs al viveve ancje un so barbe, un omenon grant e grues, burbar e ruspiôs che nol voleve tant ben ai frutins e, stant che al jere ancje un pôc gnognul, ducj lu clamavin Barbe çucon.
Al jere rivât Carnevâl e ducj i frutins a jerin contents, par vie che lis lôr mamis a preparavin lis fritulis; ancje Marie e varès vût gole di mangjâlis, ma jê e sô mari a jerin cetant puaris, ma cussì tant puaris che no vevin nancje la fersorie par fridilis.
La mari le consolà: “Tu tu varâs ancje tu lis fritulis, va là di Barbe çucon e domande se nus impreste la fersorie, cun buinegracie, però!”.
Marie e varès vût miôr di no lâ dal barbe, ma la voie di fritulis e jere cussì grande che si fasè anim.
“Viôt di tornâmale plene di fritulis” al rugnà Barbe çucon a pene consegnade la fersorie.
La dì dopo Marie e mangjà cussì tantis fritulis che la panze cuasi i sclopave – “Viôt di lassândi un pocjis par Barbe çucon! – i disè la mari – Anzit, va daurman a tornâ la fersorie cu lis fritulis che a son restadis!”.
Marie si metè par strade, ma il nasebon des fritulis al jere cussì stuzighin, che intun marimoment i vignì gole di cerçândi une, podopo une altre e une altre ancjemò, fintremai che lis finì dutis.
“E cumò ce puartio al Barbe çucon? Oh puare mai jo!” e pensà disperade.
Parcè che Barbe çucon no si inacuarzès, e jemplà la fersorie cul cacan di un mus che e cjatà vie pe strade, e consegnà la fersorie e e scjampà a cjase svelte tant che la saete.
“Puh! Ce porcarie! - al disè Barbe çucon co al cercjà la prime fritule - cheste e je mierde di mus! Tu tu mi âs imbroiât, canaie: e jo usgnot o vignarai a mangjâti!”.
Marie, preocupade par ce che e veve fat, e contà dut a sô mari, che prin si disperà, po i cridà e infin e cjatà la soluzion. Cun peçotis di une stofe che e veve in cjase e cusì une pipine che e pareve propit Marie e le imbotì di gusielis di pomul. Sore sere e metè la pipine tal jet de frutine e e puartà Marie a durmî tal so jeton.
La mame e tressà puartis e barcons, ma a miezegnot si sintì dut un sbati e un berghelâ: al jere il Barbe çucon che al voleve svindicâsi e mangjâsi la frutine. Sbat e sbat no rivant a jentrâ, al lè sù sul cuviert e al vignì jù in cusine a traviers de nape. Dut invelegnât si invià bande la cjamare di Marie e cuntune vôs tremende al tacà a vosâ: “O soi sul prin scjalin!”.
“Ficjiti sot, ficjiti sot” e cisicave la mari a Marie.
“O soi sul secont scjalin!” al vosave il Barbe çucon.
“Ficjiti sot, ficjiti sot” e tornave a dî la mari.
“O soi sul tierç scjalin!” al sberlave il Barbe.
“Ficjiti sot, ficjiti sot” e tornave a dî la mari.
“ O soi sul ultin scjalin!” – al continuave il Barbe çucon.
“Ficjiti sot, ficjiti sot” e tornave a dî la mari.
“O soi su la puarte!”.
E il Barbe si butà tal jet de frutine par mangjâle.
Il Barbe çucon al jere cussì imbesteât che no si acuarzè che tal jet e jere la pipine e le slapà intun bocon cun dutis lis gusielis di pomul. Berlant di dolôr, al sparì inte gnot e di lui no si à plui savût nuie.
E Marie? No i crodarês… ma di chel dì no è mai plui stade cussì tant golose.

YouTube

Links utili

Downloads

LO-SCATOLINO-N-25 (3,24 MB)
LO_SCATOLINO_N_24 (4,17 MB)
LO_SCATOLINO_N_23 (3,34 MB)
LO_SCATOILINO_N_22 (4,52 MB)
LO_SCATOLINO_n_21 (1,97 MB)
Realizziamo le tue idee
Telefono
Richiedi un preventivo